WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA

WW2 RIP MOSCHETTO 1891 MODELLO CAVALLERIA SIMULACRO IN RESINA

SKU: 133677150128
Prezzo di listino
€169,15
Prezzo scontato
€169,15
Prezzo di listino
€199,00
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

WW2 Riproduzione Moschetto 1891 modello Cavalleria Simulacro in RESINA dipinto a mano uno per uno. Questo simulacro utile per esposizioni simula un pezzo originale. Essendo realizzati un pezzo alla volta artigianalmente e dipinti a mano da maestri del pennello non possono essere ogni pezzo uguale all’altro, ogni pezzo è differente dall’ altro e questo non è certo un difetto ma un grande pregio. Il Ministro della Guerra verso la fine del 1888 decise che era giunto il momento di aggiornare l’armamento del Regio Esercito in quel momento armato con il fucile Vetteli. Venne istituita presso la scuola di tiro della Fanteria di Parma una commissione per valutare entro il dicembre del 1891 le proposte delle aziende armiere tra cui parteciparono la Mauser, la Mannilicher, Fabbrica Reale di Torino, Torre Annunziata e di Terni. La commissione che aveva come Presidente il Generale Gustavo Parravicino e come segretario il Maggiore Antonio Benedetti fermo sostenitore di adottare un calibro piccolo in modo di avere una migliore penetrazione e un maggiore numero di proiettili a disposizione al soldato contenute nelle giberne. Questa scelta venne presa ai primi mesi del 1890 adottando un calibro di 6,5mm. Dopo diverse proposte e prove presentate dalle varie fabbriche il 5 marzo del 1892 la commissione sceglie il sistema creato dal capo tecnico principale di prima classe Salvatore Carcano. Denominato modello 1891 viene adottato ufficialmente con la registrazione del Ministro della Guerra il 29 marzo 1892 con l’atto n 57. I primi che ebbero in dotazione la nuova arma fu’ l’Arma di Fanteria e Corpi a lei vicini. Immediatamente viene messa in studio un modello più piccolo e maneggevole per armare i Reali Carabinieri sia a piedi o montati per i Bersaglieri ciclisti la Cavalleria, l’Artiglieria e Genio Armi che necessitava un fucile più pratico del lungo 91. Per queste esigenze nasce e viene consegnato ai reparti nel 1893 il Moschetto 91 corto e leggero viene riconosciuto come modello Cavalleria ma viene usato da molte Armi che come particolarità principale sono le sue dimensioni e la baionetta ripieghevole. La baionetta viene incernierata in volata del moschetto, viene aperta o chiusa e bloccata tramite un sistema a molla comandato nel primi modelli da una leva e in seguito con un più sicuro bottone.